admin

Problema droga

Uno dei bisogni primari dell’uomo è quello della comunità, del vivere nella comunità.
Spesso nei rapporti interpersonali nascono tensioni e problemi. All’interno delle varie cellule e dei vari organismi che raggruppano gli uomini e i giovani all’interno della società esistono varie dinamiche che interagiscono:
FAMIGLIA
SCUOLA
COMPAGNIA
Sono i gruppi che determinano fin dalla più tenera età l’andamento degli ‘affari’ affettivi del ragazzo. E’ sufficiente che una di queste tre componenti entri in crisi perché anche le altre ne vengano colpite per effetto catena.
PREVENZIONE: CHE FARE RISPETTO AL PROBLEMA DROGA
Sono innanzitutto importanti una propaganda ed una informazione capillari che permettano una conoscenza approfondita dei rischi e dei pericoli connessi all’uso della droga.
E’ anche vero però che questo non basta e che a volte con effetto boomerang si può trasformare in un incentivo proprio per quelle persone che desiderano provare esperienze che annullino la loro personalità riconoscendosi nel mondo degli emarginati e dei perdenti. E’ allora fondamentale l’iniziativa di prevenzione che, oltre ad informare, intervenga in modo attivo creando ambienti e gruppi solidali nei quali il ragazzo trovi una risposta al bisogno di amore ed amicizia che l’ambiente in cui vive non riesce a soddisfare. Bisogna saper portare amore e speranza, essere modelli credibili, alternativi, recuperando l’individuo alla voglia di vivere e dirottandolo dalla strada dell’autodistruzione. Un intervento positivo, uno sfogo per le sue tensioni.
Centri creativi: studio di strumenti musicali, teatro, cinema, fotografia, poesia, narrativa, video, pittura e scultura.
Il ragazzo può, all’interno di questi ambienti, acquisire una tecnica espressiva che, assimilata, lo accompagnerà nelle ore libere nel gruppo e da solo.

la fame nel mondo

L’ironia dell’attuale sistema di produzione è che milioni di ricchi consumatori dei paesi industrializzati muoiono a causa di malattie legate all’abbondanza di cibo – attacchi di cuore, infarti, cancro, diabete – malattie provocate da un’eccessiva e sregolata assunzione di grassi animali; mentre i poveri del Terzo mondo muoiono di malattie poiché viene loro negato l’accesso alla terra per la coltivazione di grano e cereali destinati all’uomo. Le statistiche parlano chiaro: sarebbero 300 mila gli americani che ogni anno muoiono prematuramente a causa di problemi di sovrappeso. Un numero destinato ad aumentare. Secondo gli esperti, nel giro di qualche anno, se continuano le attuali tendenze, sempre più americani moriranno prematuramente più per cause di obesità che per il fumo delle sigarette.

Le imprese sociali: …

Le imprese sociali: una parte poco nota del no profit italiano.

In la Miaeconomia, quotidiano economico in rete, del 21.01.2004 è comparso un interessante articolo sulle cosidette imprese sociali. Le imprese sociali sono aziende che hanno lo scopo di perseguire l’interesse della comunità verso la promozione umana e l’integrazione dei cittadini. Queste imprese, che prestano particolare attenzione alla qualità, costituiscono una minima percentuale delle organizzazioni no profit, rappresentano però una delle parti più professionalizzate del settore terziario. Il futuro per queste imprese non sembra però così roseo in quanto le previsioni non prevedono una crescita in termini economici di queste organizzazioni.
>> >> di seguito l’articolo originale

(MIAECONOMIA, www.miaeconomia.it)

nessun titolo

Povera America

Un rapporto allarmante sulla poverta’ negli Stati Uniti.
Anticipazione del tema trattato nello speciale, su VITA non profit magazine in edicola da domani

»» continua a leggere

Mondo: più grassi, p…

Mondo: più grassi, più ricchi e meno felici

L’annuale “State of the World” presentato nei giorni scorsi è dedicato ai consumi. Il 12,5% della popolazione mondiale consuma il 60% delle risorse. Al terzo di umanità che vive nell’Africa sub-sahariana e nell’Asia meridionale è destinato invece solo il 3% delle risorse mondiali. E negli USA vi sono più automezzi in circolazione che persone con la patente.
leggi l’articolo »»

Il circolo vizioso: …

Il circolo vizioso: analfabetismo, povertà, violazione dei diritti.

Il 10 novembre e’ uscito il Rapporto 2003/4 di monitoraggio: ‘Educazione per Tutti’, che valuta lo stato dell’educazione e della disuguaglianza di accesso all’istruzione nel mondo.
Il monitoraggio e’stato preparato da un team internazionale indipendente presso il centro Unesco di Parigi.
Circa il 57 per cento di bambini in età scolare, che non vanno a scuola, sono femmine. Il rapporto dimostra come la parità fra i generi sia un obiettivo ancora molto lontano.
»»continua a leggere

Lezione N. 0 Sintesi

Lezione N. 0
Sintesi

Lettura da G. Arduino. Educazione tecnica. Lattes, 1998. Pag. 204

IL BENESSERE DI UNA NAZIONE

Parametri che determinano il benessere di una nazione:
PIL (Prodotto Interno lordo): misura la quantità di ricchezza prodotta in un anno nel Paese. In pratica misura la dimensione dell’economia, ma non il benessere degli abitanti.
PIL pro-capite: si ottiene dividendo il PIL per il numero di abitanti.

La differenza tra i paesi ricchi e quelli poveri è molto grande (consultare tabelle aggiornate)

Per determinare il benessere di una nazione bisogna tener conto di altre variabili:
 la misura dell’occupazione e della disoccupazione;
 il valore dell’inflazione;
 la distribuzione del reddito tra ricchi e poveri.

Inoltre contribuiscono a misurare il benessere alcuni parametri non strettamente economici:
 il livello di istruzione;
 l’assistenza sanitaria;
 la lunghezza media della vita;
 il possesso dei beni di consumo quali case, automobili, telefoni computer ecc.;
 la diffusione di mezzi di pagamento come carte di credito, terminali di pagamento…
 i collegamenti Internet;
 tutte le iniziative dirette alla protezione dell’ambiente.

Ai genitori

Dei figli

I vostri figli non sono figli vostri.
Sono figli e figlie della sete che la vita ha di se stessa.
Essi vengono attraverso di voi, ma non da voi,
E benché vivano con voi non vi appartengono

Potete donare loro l’amore ma non i vostri pensieri:
Essi hanno loro pensieri.
Potete offrire rifugio ai loro corpi ma non alle loro anime:
Esse abitano la casa del domani, che non vi sarà concesso visitare neppure in sogno.
Potete tentare di essere simili a loro, ma non farli simili a voi:
La vita procede e non s’attarda sul passato.
Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono
scoccati in avanti.
L’Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell’infinito, e
vi tende con forza affinché le sue frecce vadano rapide e lontane.
Affidatevi con gioia alla mano dell’Arciere;
poiché come ama il volo della freccia, così ama la fermezza dell’arco.

Gibran kahlil Gibran – Il profeta

Ai ragazzi

” Nessun uomo può rivelarvi nulla, se non quello che già sonnecchia nell’alba della vostra conoscenza.
Il maestro che cammina all’ombra del tempio tra i discepoli non elargisce la sua sapienza, ma piuttosto la sua fede e il suo amore.
Se egli è saggio non vi invita ad entrare nella dimora del suo sapere, ma vi guida piuttosto verso la soglia della vostra mente.
L’astronomo può dirvi ciò che sa degli spazi, ma non può darvi la sua conoscenza.
Il musico può cantarvi la melodia, ma non può darvi l’orecchio che fissa il ritmo, né l’eco che rimanda il suono.
E colui che è esperto nella scienza dei numeri può descrivervi il mondo del peso e della misura, ma oltre non può condurvi.
Poiché la visione di un uomo non presta le proprie ali a un altro uomo.”

[ E così come ognuno è solo nella vita,
ugualmente deve in solitudine conoscere la vita e comprenderla
.] *

Gibran Kahlil Gibran

* carla