carla.astolfi

In memoria di Anna Politkovskaya

Oggi ricorre il secondo anniversario della morte della giornalista russa Anna Politkovskaya.
Ieri, Amnesty International ha emesso un comunicato stampa in cui chiede alla Federazione Russa ‘’di porre fine all’impunita’ per le violenze contro difensori dei diritti umani e giornalisti’

Comunicato stampa
Alla vigilia del secondo anniversario dell’assassinio di Anna Politkovskaya, Amnesty International ha sollecitato il governo russo a porre fine all’impunita’ nei confronti delle violenze commesse contro i difensori dei diritti umani e i giornalisti indipendenti. I recenti attacchi evidenziano i rischi che queste due categorie corrono nello svolgimento della propria attivita’.

Diritti in viaggio

Secondo il Commissario dell’Unione Europea, Viviane Reding, la banda larga e’ un elemento essenziale nella vita delle persone. E’ discriminante una rete che non mette a disposizione il servizio a tutti i cittadini. L’Unione Europea non puo’ ignorare il problema e, per questo motivo, propone nuove linee guida per le societa’ di telecomunicazioni.
Viviane Reding e’ stata chiara: la banda larga deve essere un servizio a disposizione di tutti.
La banda larga e’ il «passaporto verso la societa’ dell’informazione», dunque va messa a disposizione di tutti per poi combattere l’analfabetismo digitale. Il tutto entro il 2010.

Per approfondire: documento della Commissione al Parlamento Europeo [Pdf 99 KB] in lingua inglese.

via: WebNews

Che cos’e’ l’amicizia?

Come deve essere il vostro amico o la vostra amica del cuore? Cosa provate quando un amico o un’ amica vi racconta una bugia o vi offende? Vi è mai capitato di essere gelosi o invidiosi di un vostro amico o amica? Avete delle esperienze di amicizia da raccontare?

Se ne parla a Il caffe’ dei lettori

”La vera fonte dei diritti e’ il dovere”

Video – Omaggio personale a Mahatma Gandhi di estele23

Sottotitoli
Non mi metto a giudicare il mondo per i suoi misfatti. Sopporto le sue imperfezioni fino a quando non creero’ un’occasione di rimostranze feconde.
La vera fonte dei diritti e’ il dovere. Se adempiamo ai nostri doveri non dovremo cercare lontano i diritti.
La mia idea di nazionalismo, è che il mio paese diventi libero.

La sera del 30 gennaio 1948, un giovane fanatico lo uccise con colpi di pistola a ripetizione. Così si chiudeva la vita di Gandhi all’età di 78 anni, dopo aver lottato fino all’ultimo per affermare un ideale di non violenza e di amore, era caduto vittima di quelle stesse passioni che aveva cercato di esorcizzare.

Nel suo testamento spirituale c’è scritto: ‘’non ho nulla di nuovo da insegnare al mondo: la verita’ e la non violenza sono antiche come le montagne’’.