robotica

Diploma di robotica all’Omar di Novara

All’ITI Omar di Novara il progetto di robotica attivato come scuola ENIS dal 2005 si evolve, per il prossimo anno scolastico, in un nuovo indirizzo della specializzazione di Elettronica e Telecomunicazioni.
Da alcuni anni, infatti, l’Istituto propone un laboratorio di Robotica (OmaRobot) come percorso di eccellenza in orario pomeridiano per gli studenti delle specializzazioni di Elettronica, Meccanica ed Elettrotecnica dove gli alunni lavorano sui loro robot personali e, la frequenza al corso completo, che negli anni si è sviluppato su tre livelli di competenze, consente, una volta diplomati, l’immediato inserimento nel mondo del lavoro presso aziende del settore, alcune delle quali seri partner del’Istituto.

continua in DSchola

La prima legge della robotica

"Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno.


Manuale di robotica
56a Edizione – 2058 d.C."

Fanno discutere le nuove… leggi della robotica presentate da un ingegnere della ricerca militare statunitense

nessun titolo

ciao raga sono Miki forse già lo sapete la scuola sta per finire e io vi saluto tutti ed è stato bello conoscervi.

Ciao a tutti BY MIKI

nessun titolo

Nel Jet Propulsion Laboratory della NASA,
uno scienziato ha indetto un concorso con
lo scopo di creare un braccio meccanico
con muscoli artificiali, in grado di battere
e braccio di ferro un valido sfidante umano.
Il braccio fu creato ma non batté un valido
sfidante umano……..si fece battere da una
ragazzine di 17 anni……..
Comunque questo braccio è solo una specie
di prototipo.
Questi muscoli artificiali sono un particolare
tipo di plastica che può cambiare forma attivata
elettrochimicamente.
"Artificial Muscle Man"Yoseph Bar-Cohen,
l’inventore, ipotizzava che nel 1999, anno in
ebbe l’idea del muscolo artificiale, avrebbero
dovuto aspettare almeno altri 20’anni prima
di ottenere un risultato concreto, ma, anche
se nettamente inferiore a cio che ci si aspettava,
un risultato lo ebbero.
Questi bracci furono realizzati anche in laboratori
in New Mexico e ijn Svizzera, fatti in plastica e
polimeri, mentre un gruppo di studenti della
Virginia Tech University di Blacksburg, Virginia,
usarono fibre gel e cellule elettrochimiche.
La competizione tra macchina e umano si
è svolta in occasione della 3 giorni di conferenze
su "Electroactive Polymer and Devices".
In futuro si spera di migliorare le capacità di
questi bracci, di renderli molto più leggeri e
più simili a muscoli biologici.

Cosa ne pensate?
A cosa potrebbero servire delle braccia
meccaniche oltre a "sfide di braccio di ferro?"

Gaudenzio

www.ecplanet.com
COMMENTATE!

ho ricopiato questo post
perchè ho dimenticato di
mettere il mio tag…..