.Cri.

La stufa ecologica

La stufa ecologica

Una sottocategoria delle stufe a pellets, è quella     delle stufe funzionanti a mais o granoturco, cippato (vari tipi di legna d’alberi amalgamati assieme).
Si tratta di stufe ecologiche il cui principale combustibile è il mais o granoturco, ma possono funzionare anche a cippato o semplicemente con  gusci di nocciole o mandorle. Il mais, o granoturco è uno dei combustibili più potenti esistenti in natura: non inquinante, rinnovabile e di facile reperibilità, si può trasportare e immagazzinare facilmente.

Il mais garantisce una combustione pulita e perfino migliore dei combustibili di origine fossile come gasolio o gas e carbone i quali causano un aumento di sostanze nocive per l’atmosfera. Il mais è quello solito in grani, facilmente reperibile, il prezzo è tra i più bassi in fatto di combustibili.

Prodotte in diversi modelli, queste stufe si distinguono in termo stufe funzionanti ad acqua calda e aero stufe funzionanti ad aria calda.

Come per le stufe a pellets, si installano facilmente, infatti non è necessario l’utilizzo di canna fumaria perché è soddisfacente anche solo un tubo da 8 centimetri di diametro per scaricare i fumi all’esterno. Tecnologicamente avanzate, con doppia combustione, possono disporre di tutti gli automatismi ad esempio termostati o cronotermostati che consento di accendere la stufa nell’ora precedentemente stabilita e impostando la temperatura desiderata.

Fonti: http://www.fuocoelegna.it/pellets.php

La Skycar, macchina volante

LA MACCHINA VOLANTE

Dopo decenni di sperimentazioni, l’americano Moller è arrivato a produrre una macchina volante che ha chiamato Skycar M400X la quale, secondo l’inventore, avrebbe ottenuto l’omologazione entro la fine del 2005.
Ma per tutto ciò “che vola”, le norme per l’omologazione sono assai severe e tutto ciò impiega un vasto arco di tempo. Nel 2003, per violazione di leggi legali, Moller ricevette una multa di 50.000 dollari.

Questa macchina volante è costituita da otto motori rotativi  Wankel, molto leggeri per garantire “il volo”. E’ una macchina a quattro posti, poco più grande di una comune automobile, capace di decollare e atterrare verticalmente ovunque, e di volare a 600 km/h. La macchina è alimentata a benzina

Situati al corpo esterno della macchinasi trovano quattro ventole protette da una gabbia di ferro, che possono ruotare trasversalmente e produrre spinta verso il basso, in diagonale, o in avanti. Ognuno di questi è spinto da due motori a regime ridotto di modo che in caso di guasto improvviso di un motore, la potenza residua dell’altro sia sufficiente per completare il decollo o l’atterraggio senza inconvenienti.

La macchina è dotata di sensori di sovraccarico installati sul carrello che segnalano al pilota l’eventuale sovrappeso. La cabina è pressurizzata, per cui può volare anche assai sopra i canonici 3600 metri.
Una importante caratteristica della Skycar è quella che non può svolgere tragitti a piacere: viene impostata precedentemente e può percorrere solamente il percorso prestabilito.

Lo scopo è quello di produrre un’utilitaria a basso costo e consumo, capace di fare quel che per ora possono solo gli elicotteri più economici.

Fonti:
http://www.alfonsomartone.itb.it/tfvzhk.html

http://www.ecologiae.com/finalmente-la-macchina-volante-esce-dal-cinema-e-diventa-realta/2972/